Oliver Camponovo: L’inflazione dilaga e la BNS sonnecchia

pubblicato: 20 Ottobre 2021

Ogni giorno, notizie più terribili sull’aumento dei costi dimostrano quanto sia diventata seria la minaccia dell’inflazione.

Il valore di settembre dell’IPC statunitense è stato rilasciato l’altro ieri (un valore mensile dello 0,4%, contro il 5,4% dello stesso mese dell’anno scorso), e il valore di settembre dell’indice dei prezzi alla produzione PPI è stato rilasciato ieri (un valore mensile dello 0,5%, contro l’8,6% dello stesso mese dell’anno scorso).

Se un anno fa si temeva una deflazione significativa, ora la “narrazione” cambia continuamente. “È perché l’economia sta riaprendo”, “è a causa degli alti prezzi dell’energia”, “è a causa delle restrizioni dell’offerta”, e così via. Sembra che non sappiano che storia raccontare o che cosa fare, secondo me – né in Svizzera né in altri paesi. Se vogliamo riassumere la situazione, possiamo dire che la visione macroeconomica ha fallito.

Oliver Camponovo: L’inflazione dilaga e la BNS sonnecchia

Covid: implicazioni di mercato

Un'analisi delle nostre idee e previsioni di Aprile/Maggio 2020 - La via da seguire:

"Regola n. 1: non perdere mai i soldi.
Regola n.2 : non dimenticarti mai della regola n.1"
– Warren Buffett

Un investimento di successo riguarda le inefficienze e gli errori sul mercato e aspettare per loro.

Durante il periodo di marzo-maggio 2020 (la crisi del CoVid19), ho scritto differenti articoli in cui indicavo come gestire la situazione posizionando investimenti in maniera prudente.

É arrivato ora il momento di rivedere queste idee e opinioni e pensare ai prossimi sei a venire.

Quindi, analizziamo cosa stavo scrivendo cinque mesi fa e vediamo dove avevo ragione e dove stavo sbagliando e perchè.

Covid: implicazioni di mercato

PREDIZIONE 1:

“L’inflazione globale non crescerà velocemente, in questo modo posso aspettarmi un basso tasso per un specifico periodo. Dopo, tuttavia, l’inflazione potrebbe aumentare. Per questa ragione, preferisco una durata breve e penso che le obbligazioni legate all’inflazione possano essere attraenti a medio termine (e certamente come un elemento di diversificazione).” Il dollaro Statunitense potrebbe subire una svalutazione

Questa predizione sulle implicazioni sul mercato dovute al COVID si è dimostrata corretta

Entrambe Germania e USA (mercato di riferimento) hanno subito una prima deflazione.

Il significativo intervento delle Banche Centrali porterà a una pressione inflazionistica di medio termine con un aumento dei tassi di interesse a lungo termine che consentirà una curva dei rendimenti inversa.

Le obbligazioni legate all’inflazione possono, tuttavia, essere un’allettante alternativa agli strumenti del tradizionale mercato monetario. Il tempo sarà cruciale quando gli investitori entreranno in questi veicoli. Credo che l’inizio del 2021 possa essere il momento giusto per valutare le pressioni inflazionistica e decidere se entrare o no.

Covid: implicazioni di mercato

PREDIZIONE 2:

“Il dollaro statunitense potrebbe svalutarsi significativamente contro il Franco svizzero e l’Euro e le valute emergenti in particolare il Rublo russo, il Peso messicano e la Rupia Indiana potrebbero beneficiare da una veloce economia di recupero nel medio termine.”

Questa previsione è stata esatta per il Dollaro Americano. Il Dollaro Americano ha perso di valore negli scorsi quattro mesi, contro il Franco svizzero e l’Euro.

Questa previsione non è stata invece esatta per il Rublo russo, il Peso messicano e la Rupia Indiana. Tutte queste valute EMMA non si sono ancora riprese dalle loro perdite massicce e l’impatto del CoVid19 è ancora difficile da valutare.

Tuttavia, nei prossimi sei mesi, credo ancora che tutte e tre le valute, per motivi diversi, si apprezzeranno rispetto all’euro.

Tuttavia, a differenza di prima, il differenziale dei tassi d’interesse non è più un cuscinetto. Perciò, un investitore potrebbe aspettare ad esporsi verso queste valute EMMA, poiché i tassi di interesse possono essere spinti verso l’alto dall’inflazione a medio termine. Quindi, se si investe, bisogna stare sul lato corto della curva dei rendimenti.

Covid: implicazioni di mercato

PREDIZIONE 3:

“Il franco potrebbe rafforzarsi notevolmente sia rispetto all’euro che al dollaro USA, nonostante gli sforzi della Banca nazionale per mantenere un tasso di cambio stabile almeno rispetto all’euro”.

Questa previsione è stata corretta solo nei confronti del dollaro USA; contro l’euro il franco ha perso valore negli ultimi mesi.

Nei prossimi mesi, non appena la pericolosa partita giocata da BCE e FED diventerà più evidente, entrambe le valute potrebbero continuare a perdere valore contro il Franco svizzero.

Gli investitori che hanno il Franco Svizzero come valuta di riferimento possono quindi considerare di coprire almeno le loro posizioni.

In ambito commerciale questo potrebbe essere ancora più importante.

Un’ultima considerazione per l’economia svizzera è: quanto sarà in grado la BNS di allungare il proprio bilancio per sostenere il Franco Svizzero?

Covid: implicazioni di mercato

PREDIZIONE 4:

“Gli spread di credito dai BBB alle obbligazioni spazzatura dovrebbero prima stabilizzarsi grazie al Quantitative Easing e poi risalire per almeno 12 mesi. Attraendo poi un’esposizione su fondi a brevissimo termine con un rating medio BBB forse anche con un po’ di leva finanziaria”.

Questa previsione delle implicazioni di mercato COVID è risultata corretta.

Personalmente ho aumentato la mia esposizione al settore obbligazionario HY a fine marzo 2020 (dopo la brusca correzione di marcia) e questa idea di investimento è stata uno strumento essenziale per migliorare (difendere) la performance nel IIQ 2020.

Tuttavia, ritengo che questa correzione dei rendimenti sia ormai conclusa e che seguirà un secondo aumento/picco dei premi di rischio.

Si sta verificando un’incredibile divergenza tra gli spread delle obbligazioni societarie e il numero di aziende che hanno presentato istanza di fallimento. Credo quindi fermamente che sia solo una questione di tempo prima che questo comporti un aumento dei premi di rischio e il fallimento degli angeli caduti e delle obbligazioni HY.

Le posizioni a brevissimo termine possono coprire solo parzialmente il rischio di un aumento degli spread perché, come abbiamo visto a marzo, uno spread di illiquidità può avere un impatto su queste obbligazioni a brevissimo termi

Covid: implicazioni di mercato

PREDIZIONE 5:

“Le scorte a livello globale non soffrono ancora della crisi della domanda e dell’offerta che la lontananza sociale genererà (per non parlare del cambiamento nella propensione al consumo che ci sarà con un inutile spostamento della spesa). Un ingresso graduale deve essere compensato da adeguate opportunità. A mio avviso, ciò avverrà solo quando, dai livelli attuali, il mercato avrà scontato un ulteriore 20-30%. Un ingresso facile può essere fatto con l’ETF ma anche su titoli di qualità che si muoveranno solo grazie al beta. I settori più interessanti sono quelli delle infrastrutture che beneficeranno di investimenti diretti da parte dei governi per generare posti di lavoro e ridurre la disoccupazione (un New Deal 2.0 a Rooswelt a livello globale). Mi piacciono anche le aziende ricche di liquidità e le aziende in grado di creare così tanta liquidità da poter effettuare acquisizioni basate sui prezzi e crescere in modo esogeno”.

Questa previsione è stata sbagliata (in parte) in particolare:

  Ho sottovalutato gli effetti sul capitale proprio sull’intervento di FED e BCE

  Ho sottovalutato l’effetto FAANG.

  Ho sottovalutato l’impatto degli investitori di Robinhood

  Ho sottovalutato l’effetto che i tre fatti di cui sopra possono avere sulla beta

Tuttavia:

 I FAANG (+ Microsoft) rappresentano il 23% dell’intero indice S&P.

la ripresa dei mercati azionari non è stata omogenea né in termini di singole azioni né in termini di performance dei mercati azionari globali

La volatilità dei mercati azionari è diminuita significativamente anche a causa degli interventi della FED/BCE

I mercati sono in modalità avidità

A mio parere, il rapporto rischio/rendimento era basso per investire in azioni durante la crisi, e ora credo che (per i mercati americani) sia ancora più basso!

Ancora una volta, permettetemi di citare Warren Buffet: “Il prezzo è quello che si paga. Il valore è ciò che si ottiene”.

In altre parole, non concentratevi sulle oscillazioni a breve termine del prezzo, concentratevi sul valore sottostante del vostro investimento.

“Attenzione all’attività di investimento che produce applausi; le grandi mosse sono di solito salutate da sbadigli”.

Attualmente stiamo navigando in un ambiente molto impegnativo e complesso, e la ricerca del valore è un processo che richiede anche pazienza e una visione a medio termine.

Le aziende sono apprezzate per la loro capacità di generare profitti. Attualmente ci troviamo in un ambiente in cui i profitti sono sempre più bassi (anche il rapporto di distribuzione dei dividendi), la spesa dei consumatori si sta riducendo e tutte le variabili macroeconomiche significative sono peggiori rispetto a un anno fa (in alcuni Paesi un decennio fa). Quindi, perché i mercati azionari dovrebbero essere in rialzo rispetto a un anno fa?

Cerchiamo di essere pazienti, selezioniamo (andiamo per alfa) e facciamo’ che gli 0 cerchino il valore evitando gli sbadigli.

Covid: implicazioni di mercato

PREDIZIONE 6:

“Tuttavia, per l’equità, credo che alcune aree geografiche del mondo possano beneficiare maggiormente della futura ripresa economica e tra queste, in particolare, ASIA/PACIFICO e ASIA ex-Giappone”.

Questa previsione delle implicazioni per il mercato dovute al COVID è risultata esatta.

Se non si cerca di cronometrare il mercato, questi due mercati sono ancora i più economici da acquistare.

Tuttavia, se siete desiderosi di cronometrare il mercato e credete che una correzione possa arrivare sul mercato azionario come penso, allora dovreste anche vendere questi premi vincenti e cercare di riacquistarli a un prezzo più basso una volta che la revisione è stata effettuata.

Covid: implicazioni di mercato

PREDIZIONE 7:

“Per quanto riguarda le materie prime, preferisco l’argento all’oro perché, subito dopo le crisi, l’argento ha generalmente superato l’oro. Trovo un’entrata indiretta con leva finanziaria utilizzando opzioni di chiamata senza investire troppo e possibilmente beneficiando anche di una maggiore volatilità”.

Questa previsione è risultata corretta e sia l’oro che l’argento hanno sovraperformato le azioni e anche i FAANG dal marzo 2020 sono stati uno strumento essenziale per migliorare la performance nel IIQ 2020.

Ho fatto questa previsione con le opzioni di chiamata sull’argento al denaro speculando non solo sull’aumento dei prezzi, ma anche sull’aumento della volatilità. È stata una scelta giusta e fortunata.

Credo che ci sia ancora il potenziale per un aumento di prezzo nell’Argento e nell’Oro. Penso che l’argento abbia ancora maggiori possibilità di crescita grazie alla sua reazione dei prezzi in tempi turbolenti e al rapporto oro / argento anche superiore alla media che potrebbe portare gli speculatori dell’oro a passare all’argento.

Covid: implicazioni di mercato

PREDIZIONE 8:

“Infine, potrebbe essere interessante anche per chi non ha un minimo di diversificazione nelle cripto valute che possono essere una buona copertura quando le monete nazionali si svaluteranno, tra di loro come sempre il Bitcoin e anche il Bitcoincash”.

Questa previsione è risultata corretta e il Bitcoin  ha sovraperformato qualsiasi classe di attività offrendo una crescita a tre cifre! L’integrazione di questa nuova risorsa nei portafogli ha aumentato la diversificazione e ha permesso di ottenere grandi performance.

Ho fatto questo pronostico comprando Bitcoin, ma anche durante l’ultimo mese sono passato all’ETH per beneficiare della speculazione DeFi in corso.

Si tratta comunque di una classe di attività complessa per investitori sofisticati in grado di tollerare anche un’elevata volatilità e, in alcuni casi, pesanti perdite.

Quindi in termini generali ho fatto una buona analisi dei mercati finanziari in marzo/aprile con l’importante lamentela di non aver visto l’apprezzamento dei FAANG.

Ma non sono stato il solo; sia Buffet che Dalio, che sono tra i migliori e più accreditati investitori a livello mondiale, hanno commesso lo stesso errore.

Errare humanum est, (sed) perseverare diabolicum

Teniamoci al passo nei prossimi mesi, molte opportunità arriveranno e sono sempre più convinto che questi tempi difficili richiederanno la ricerca di idee di investimento asimmetriche a breve termine combinate con una strategia difensiva più a lungo termine nella ricerca di valore e non della speculazione.

Esclusione di responsabilità:

Questa non è una raccomandazione! Le cifre si riferiscono al passato e la performance passata non è un indicatore affidabile dei risultati futuri. Cercate una consulenza finanziaria indipendente! Questo testo è distribuito solo a scopo informativo ed educativo. Non viene data alcuna considerazione alle specifiche esigenze di investimento, agli obiettivi o alle tolleranze di nessuno dei destinatari. Inoltre, le effettive posizioni d’investimento dell’autore possono, e spesso lo faranno, variare rispetto alle sue conclusioni qui discusse sulla base di una serie di fattori, come le restrizioni agli investimenti dei clienti, il riequilibrio del portafoglio e i costi di transazione, tra gli altri. I destinatari dovrebbero consultare i loro consulenti, compresi i consulenti fiscali, prima di prendere qualsiasi decisione di investimento. La presente relazione non costituisce un’offerta di vendita o una sollecitazione di un’offerta di acquisto dei titoli o di altri strumenti menzionati.